Insonnia Guida ai rimedi naturali e omeopatici

Insonnia Guida ai rimedi naturali e omeopatici

0
SHARE

Secondo la casistica italiana, un terzo degli italiani soffre o ha sofferto di insonnia almeno una volta nella vita. Possono essere diverse le cause dell’insonnia, fortunatamente per molte di esse esistono rimedi efficaci per combatterla, rimedi che miglioreranno sicuramente il vostro benessere psicofisico.

insonnia rimedi

C’è chi si sveglia diverse volte durante la notte, oppure chi ha difficoltà ad addormentarsi, o chi si sveglia presto alla mattina. Molto spesso l’insonnia può essere correlata ad episodi di stress, come ad esempio, la nascita di un bambino, un nuovo lavoro etc…

Solitamente l’insonnia da stress colpisce coloro che sono più predisposte a sperimentare ansia di fronte a delle difficoltà. Purtroppo tutte le forme di insonnia generano un senso di malessere e stanchezza.

Insonnia cause transitorie e croniche

Le cause alla base dell’insonnia possono essere correlate a nervosismo, malessere legato a problemi fisici, come ferite, malattie o a stati di ansia e forte stress.

Quando l’insonnia perdura per molto tempo, generalmente per un periodo che va oltre i sei mesi, l’insonnia può prendere una forma cronica, una condizione che può generare ansia e problemi di varia entità come la sonnolenza diurna e perdita di autocontrollo.

In questi casi l’intervento di uno specialista diventa necessario nel momento in cui l’insonnia si ripercuote sulla salute dell’individuo. Il bisogno di dormire è indispensabile al soggetto perchè gli consente di affrontare la vita con grande successo.

Cosa eliminare o ridurre dalla propria vita per combattere l’insonnia

Per chi soffre di insonnia lieve e non cronica, fortunatamente esistono dei rimedi che possono essere presi in considerazione al fine di prendere sonno più velocemente, e migliorare sensibilmente la qualità del sonno.

Ridurre la quantità di sostanza eccitanti: la caffeina, la teina e altre sostanze eccitanti che ritroviamo anche in bevande comuni come la coca cola e tè, possono peggiorare decisamente l’insonnia. Diversi studi dimostrano che assumere una quantità eccessiva di queste sostanze anche 6 ore prima di andare a dormire, possono disturbare il sonno.

Eliminare le bevande alcoliche: soprattutto prima di andare a letto è altamente sconsigliabile assumere tali bevande. Questo perché altera la qualità del sonno provocando dei continui risvegli notturni

Ridurre la nicotina: la nicotina presente nelle sigarette, liquido per le sigarette elettroniche o nei cerotti per smettere di fumare, svolgono un’azione stimolante sul sistema nervoso simile alla caffeina. Inoltre, queste sostanze determinano un incremento della frequenza cardiaca, della pressione e pertanto compromette il riposo notturno. Quindi, il consiglio è quello di ridurre almeno le quantità di sigarette. Sicuramente ne gioverà non soltanto la propria salute, ma avvantaggerà anche la qualità del sonno.

Rimedi della nonna contro l’insonnia

Purtroppo sono molte le persone che ricorrono ai sonniferi, ma l’uso di tali sostanze è davvero sconsigliabile, poiché provoca dipendenza psicologica, nonché assuefazione, in commercio esistono per l’insonnia rimedi naturali privi di effetti collaterali, quindi se si vuole porre rimedio, è possibile ricorrere ad alcuni espedienti prettamente naturali per poter combattere la tanto temuta insonnia.

A differenza dei sonniferi, questi rimedi non provocano ne assuefazione e ne dipende psicologica. Esistono in natura alcune erbe in grado di curare questo problema, grazie alle loro proprietà calmanti e rilassanti.

Tisana al biancospino o passiflora contro l’insonnia

E’ il caso del biancospino, che grazie alla sua azione sedativa è in grado di rilassare tutti i muscoli contratti rivelandosi un ottimo alleato per l’insonnia.

La sua preparazione è semplicissima: Versare mezzo litro di acqua bollente su circa 10 gr. di fiori di biancospino. Lasciare in infusione per almeno 10 minuti e successivamente filtrarla. E’ consigliabile bere una tazza prima di andare a letto.

Anche la passiflora ha i suoi benefici. L’estratto fluido è la soluzione più efficace per la sua assoluta non tossicità. Generalmente si consigliano dai 40 alle 60 gocce serali.

Curare la dieta per combattere l’insonnia

L’alimentazione riveste un ruolo fondamentale nel trattamento dell’insonnia. Infatti è consigliabile per dormire bene assumere cibi sani che favoriscono il buon sonno soprattutto prima di andare a dormire, preferire alimenti ricchi di vitamina B1 come legumi, cereali, carni suine e uova, alimenti ricchi di magnesio, come  arachidi, mandorle, nocciole, crusca e lenticchie.

Mentre sono da eliminare dal proprio regime alimentare gli alcolici, in quanto creano sonnolenza soltanto in un primo momento. Infatti è stato dimostrato come le sostanze alcoliche producono dapprima un certo desiderio di dormire, ma una volta che i loro effetti sono terminati, la voglia di riaddormentarsi tende a scomparire.

Inoltre è molto importante evitare il consumo di alimenti di difficile digestione, come ad esempio, cibi ricchi di grassi, fritture, intingoli e via dicendo…

Integrazione e omeopatia come rimedio per l’insonnia

La scelta di utilizzare un prodotto che favorisca il sonno, per un tempo prolungato, può essere un buon espediente.

Ma prima di illustrare i vari trattamenti, è fondamentale ricordare a ciascun lettore che un’insonnia prolungata nel tempo è un segnale di disagio dell’organismo. Naturalmente le indicazioni che andrò ad illustrare non devono in nessuna maniera sostituirsi ai consigli del proprio medico curante o di altri esperti nel settore.

La melatonina è un buon riequilibrante del sonno. Anche alcune recenti ricerche hanno dimostrato la sua reale efficacia. Per avere dei buoni responsi occorre prendere ogni sera 3 mg prima di andare a dormire, per almeno 15 giorni di fila.

Per quanto riguardano i rimedi omeopatici, possono essere anch’essi molto efficaci. Essi vanno assunti alla 7 CH nella misura di 4 granuli, una volta al giorno. Tra questi ricordiamo: Nux vomica, Arnica, Coffea e Ignatia.

SHARE

LEAVE A REPLY